Passa ai contenuti principali

Dialoghi d'arte 2018


La terza edizione dei Dialoghi d’arte si concentra sulla figura dello spettatore dell’arte contemporanea. Il rapporto arte-spettatore a partire dall’inizio del secolo scorso ha subito trasformazioni profonde, che non hanno mai smesso di evolvere. Uno dei cambiamenti più evidenti è stato il ruolo che lo spettatore è venuto ad assumere nei confronti dell’opera. Alla pura e semplice fruizione contemplativa si è sostituita una fruizione attiva ed una aspettativa di partecipazione al completamento dell’opera, che ha concesso ampio spazio all’attitudine protagonista dell’uomo contemporaneo. La diffusione delle nuove tecnologie ha determinato altre importanti trasformazioni antropologiche, percettive ed estetiche. È una nuova evoluzione del rapporto arte-spettatore. Potrebbe essere lo scenario di un nuovo modello di fruizione.

Su questo la critica si interroga e le istituzioni culturali svolgono un lavoro di ricerca continua, al fine di avvicinare lo spettatore contemporaneo e costruire nuovi pubblici. A partire dalla fruizione dell’arte come diritto culturale dello spettatore, si dialogherà con filosofi, antropologi, sociologi, storici, critici, curatori, artisti e direttori di importanti istituzioni italiane per ripensare al ruolo del pubblico nell’arte contemporanea.

Post popolari in questo blog

Il mio Sessantotto. Uno sguardo antropologico su memorie, immagini e narrazioni

È appena uscito il nuovo libro di Marta Villa, del nostro Comitato Scientifico: qui il suo racconto. Si può scrivere qualcosa di nuovo sul Sessantotto? Una rilettura di questo periodo può permetterci di comprendere quello che sta accadendo attualmente in Italia e in Europa? Questa riflessione corale ha preso in considerazione non solo la retorica che da tempo si è consolidata attorno a questo evento globale, ma anche le voci di tutti gli altri testimoni, fino ad oggi mai ascoltati, che hanno con diversi ruoli partecipato o osservato quello che stava accadendo a Trento, città simbolo del movimento studentesco italiano. La sintesi del lavoro di ricerca antropologico e sociologico di Marta Villa, Adriano Motta e Luigi Schiavo permette di raggiungere una conoscenza nuova e più completa di questo fenomeno, delle sue relazioni e delle sue controverse conseguenze. La ricerca è arricchita dai saggi di Vincenzo Calì, Giuliano Di Bernardo, Giorgio Galli, Renzo Gubert e dalle testimonianze ined…

Marta Villa ci racconta il Sessantotto attraverso le voci di chi lo ha vissuto

«Questo volume vuole essere una testimonianza della pluralità di sguardi che alla fine degli anni Sessanta si sono intrecciati nella città di Trento, e che sono stati indagati nel corso del progetto di ricerca Io non c’ero o se c’ero non dormivo. Trento allo specchio: memorie, immagini e narrazioni di luoghi, finanziato dalla Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, attraverso il Bando per Progetti di valorizzazione della memoria delle comunità 2017.

Game-Trification: online il programma completo

E' online ilprogramma completodi Game-Trification, una formazione gratuita che unisce rigenerazione urbana e gaming, per realizzare e testare un prototipo di gioco sociale della rigenerazione urbana nel quartiere Giambellino-Lorenteggio, a Milano(per maggiori informazioni CLICCA QUI).COME PARTECIPARELa scadenza della call è stata posticipata alle ore 24 di domenica 13 ottobre. Per iscriversi, compilare con i propri dati il modulo disponibile a questo link (CLICCA QUI). CHI SONO I DOCENTI
Questi gli esperti e i docenti chiamati a portare il proprio contributo durante il percorso di ricerca-azione collettiva: Spartaco AlbertarelliClaudio Calvaresi,Erika LazzarinoFrancesca Cognetti e alcuni membri di Off Topic. Il progetto, a cura di Dynamoscopio e S.P.Lu.F - Spazio Pedagogico Ludico Formativo, sarà coordinato da Marta Meroni, antropologa e Ambra Lombardi, architetto.

SPARTACO ALBERTARELLI
Game designer di professione, dal 1987 collabora con l'Editrice Giochi. È stato per dieci …